shock termico vetro

Shock Termico: come scegliere il vetro giusto

L’architettura contemporanea vede una sempre più importante presenza del vetro negli edifici di nuova costruzione. Per le sue caratteristiche di trasparenza, durezza, resistenza alle intemperie e all’irraggiamento solare, questo materiale trova oggi un elevato numero di applicazioni in edilizia, in ambienti interni così come all’aperto.
Le numerose applicazioni del vetro all’esterno di un edificio richiedono un’accurata scelta di materiali dalla qualità certificata capaci di far fronte al rischio dello Shock Termico del Vetro, ovvero la rottura delle lastre causata da un’elevata differenza di temperatura tra la superficie irradiata dal sole e la superficie in ombra.

Lo sbalzo termico può essere accentuato da filtri solari che bloccano l’irraggiamento (vetri solar control) o da sistemi di riscaldamento/raffrescamento che spingono l’aria direttamente contro la superficie del vetro.
Per il rivestimento in vetro di una facciata, la realizzazione di un serramento con doppio o triplo vetro, l’installazione di parapetti in vetro, occorre dunque conoscere a fondo le caratteristiche del materiale che si sta utilizzando.

Il nostro team di progettazione studia con attenzione le caratteristiche delle lastre utilizzate e sceglie soltanto materiali che rispettano le normative sulla produzione e le certificazioni europee in merito.

Per maggiori chiarimenti sullo Shock Termico, il “Vademecum sulle rotture termiche” redatto da Assovetro (febbraio 2015)